L’organo “Giosuè Agati” 1829 (opus 184)
della Chiesa Parrocchiale di S. Nicolò da Bari di Perinaldo

a cura di Michele Croese
_______________________________________________________________________________

 
Polski  
English
 
Home page
Storia
Caratteristiche
Galleria
Ascolti
Concerti
Masterclass
Appuntamenti
Pubblicazioni
Recapiti
Siti correlati
Webmaster
 

L’organo “Nicomede Agati - Gio Batta Dessiglioli”
della Chiesa Parrocchiale di Stella San Giovanni (SV)


 

 



Organo costruito da Nicomede Agati e F.lli di Pistoia nel 1850 opera numero 383,
come testimonia il cartiglio presente sul frontalino della tastiera.



N.° 383
AGATI NICOMEDE E FRATELLI
Fabbricanti d’Organi
Costruirono l’Anno 1850
IN PISTOIA

e

l’anno 1897
Gio-Batta Dessiglioli restaurò
SAVONA


Lo strumento presenta le seguenti caratteristiche:

E' posto in cantoria in presbiterio, in cornu evangelii, in un vano ricavato nella muratura.
Prospetto a tre campate. Facciata di canne 27 (9 - 9 – 9), con labbro superiore a mitria,
dal Do2 (Principale Bassi), disposte a cuspide in ciascuna campata.
Le bocche seguono un andamento contrario alle cuspidi.
Tastiera non originale, di 54 tasti, in osso ed ebano (Do1 – Fa5), con prima ottava cromatica.
I primi quattro diesis sono uniti all’ottava superiore.
Pedaliera a leggio: si compone di 17 pedali (Do1 – Si1 + Rollante), in noce, uniti alla tastiera.
Registri azionati da tiranti a pomello disposti verticalmente su di una fila a destra della tastiera;
di seguito si riporta la disposizione fonica:


Principale Bassi
Principale Soprani
Ottava Bassi
Ottava Soprani
Quintadecima
Nonadecima
Vigesimaseconda
Vigesimasesta
Vigesimanona
Cornetto [3f.]
Tromba Bassa
Tromba Soprana
Flauto Bassi [4']
Flauto Soprani
Voce Angelica
Flagioletto [2', S]

Registro fisso di 8' alla pedaliera.

I somieri sono due, un maestro a tiro per il manuale e un somiere semplice per i Bassi al pedale ed il Timpano.
La manticeria si compone di un mantice a lanterna azionato da un elettro – ventilatore.

Temperamento: circolare.
Scheda tecnica e foto: Graziano Interbartolo.